I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Rotate screen

La Casa Editrice

Chi Siamo Distribuzione Inviaci il tuo testo

catalogo

Autori

Gianluca Alberti Lara Ancellotti Raffaele Angiolillo Aureliano Antonini Roberto Ballardini Maurizio Bardoni Sara Baretta Laura Germana Belvederesi Nicola Bennati Andrea Besi Fabio Bonù Brunella Borsari Andrea Bracciale Mariano Brustio Stefania Calesini Germano Capurri Bruna Cavigiolio Pasquale Celano Alessandro Ceteroni Fausto Colella Ivan Collura Giancarlo Maria Conti Livia Corbelli Elisabetta Croce Angelo d'Andrea Ciro D'Anna Simona Del Buono Fiorenzo Dioni Giovanni Peli e Stefano Tevini Marco Fasoli Cristina Fenzi Gino Franchetti Federico Franzoni Claudia Furregoni Alfonso Gariboldi Erminio Giavini Fab Ka Dario Maggio Luca Giuseppe Mangione Luciana Mannino Gianni Marcantoni Fabio Martello Gabriella Meleleo Stelvio Mestrovich Manuela Montemezzani Fabio Ognibene Elisa Orlandi Debora Piccolo Elena Pucillo Truong Domenico Puleo Leonardo Quintavalle Alessandro Rampini Elena Rappo Francesca Rita Rombolà Enrico Roncarati Nicola Russo Bruno Scapini Bruna Serra Alessandro Sichera Giulio Sinicato Cristiano Spila Fabio Strinati Claudio Vainieri Lorenzo Vanni Paki Violi Andrea Vittoria Piersilvio Volpato Stefano Zampieri Valentina Zanotto Loris Zecchini

Pubblica con noi

News

Caliban's version

20 Gennaio alle ore 06:22

Eventi

Post

Erminio Giavini

Erminio Giavini (1946) è stato professore ordinario di Anatomia Comparata e Direttore del Dipartimento di Biologia presso l'Università degli Studi di Milano. Ha svolto un’intensa attività di ricerca nell'ambito della patologia dello sviluppo embrionale, documentata da più di cento articoli scientifici pubblicati su riviste specializzate. Oltre ad alcuni libri di testo, ha pubblicato: “Mostri umani tra realtà e leggenda” (2004), “Come si sviluppa un pulcino? Storia dell'embriologia dai filosofi greci ai giorni nostri” (2016), “Con un capello biondo si può vincere il premio Nobel” (2017).